IL PROGETTO

Il progetto “Prendimi in affetto” nasce all’interno delle Comunità per Minori gestite dalle Suore Poverelle dell’Istituto Palazzolo.

Il progetto diffonde e cura la pratica dell’accoglienza attraverso la sensibilizzazione e l’accompagnamento delle famiglie e dei single che si rendono disponibili a intraprendere l’esperienza dell’affitto familiare. L’intento di questo progetto è di offrire ai minori l’opportunità di godere di un’esperienza familiare positiva e adeguata e di rispondere al diritto fondamentale di ogni bambino di crescere in una famiglia.

L’equipe del progetto “Prendimi in affetto” svolge la sua attività per:

  • Promuovere e sensibilizzare sui temi dell’affido e raccogliere la disponibilità di quanti sono interessati
  • Incontrare le famiglie disponibili per un primo momento di conoscenza e valutazione delle motivazioni che spingono alla scelta dell’affido
  • Individuare le famiglie idonee e inserirle nel percorso formativo
  • Valutare, al termine del percorso formativo, la concreta disponibilità della famiglia all’accoglienza di un minore
  • Presentare le famiglie disponibili ai Servizi Sociali, in caso di richiesta di avvio di un progetto di affido da parte degli stessi
  • Stipulare il contratto di affido tra le parti in causa (Servizio Sociale, Ente a cui il minore è affidato, operatore referente del progetto “Prendimi in affetto”, famiglia d’origine e famiglia affidataria)
  • Affiancare, sostenere ed accompagnare le famiglie affidatarie per tutta la durata dell’affido

A CHI E’ RIVOLTO

“Prendimi in affetto” si rivolge a coppie con o senza figli, o a single che desiderano intraprendere un’esperienza di affido familiare.

E’ importante essere disponibili a seguire una preparazione specifica per partecipare alla progettualità sull’affido, attraverso una formazione utile a gestire le problematiche che si potrebbero presentare nel corso dell’esperienza.

Iniziative